E' tornato il Mostro di Firenze?

FIRENZE-La tortura e l'omicidio di una giovane prostituta preoccupa gli italiani ,forse uno dei serial-killer più famosi del paese potrebbe essere di nuovo in azione.Il 09/05 Riccardo Viti, idraulico, arrestato a Firenze per l'omicidio della donna crocifissa,reo confesso.

Ci sono ancora macchie nere sulla barriera lungo una strada solitaria di fuori  Firenze, dove I'assassino  utilizzato nastro adesivo per fissare le mani della 26enne Andrea Cristina Zamir, stile crocifisso, nella notte di Lunedi. Una pozza di sangue sulla strada sterrata testimonia la tortura ile che la giovane donna ha subito prima di morire. Era nuda tranne che per le sue scarpe da ginnastica e calzini sportivi. I suoi vestiti e la borsa sono stati trovati un chilometro di distanza con i soldi ancora nel suo portafoglio.

Zamir, una prostituta che lavorava nella zona, è solo una di una serie di vittime che sono stati legati, torturati e lasciato per morto in circostanze simili in piedi al di fuori di Firenze negli ultimi anni. Ma ciò che rende l'omicidio di Zamir doppiamente inquietante è che il suo corpo senza vita è stato trovato nella stessa zona dove i misteri irrisolti più famosi di Firenze.

Sedici persone sono state uccise in otto omicidi doppi tra il 1968 e il 1985, molti amoreggiavano nelle loro auto, sparati a bruciapelo con la stessa pistola Beretta calibro 22, identificabile a causa delle cicatrici che ha lasciato i proiettili. Una delle vittime di sesso femminile è stata mutilata post-mortem. Un’altra delle vittime è stata accoltellata 97 volte intorno al seno e la zona pubica prima che l'aggressore sessualmente di lei violato con una vite. Molte delle donne vittime sono stati trovati con uno dei loro seni e la loro intera zona pubica tagliati dai loro corpi e preso dalla scena, un dettaglio orribile che ha ispirato il 1991 film premio Oscar Il silenzio degli innocenti. Diverse persone sono state arrestate e perfino condannati nel corso degli anni, ma ulteriori uccisioni con la stessa pistola nelle stesse circostanze mentre erano imprigionati li esonerati. Il mistero rimane irrisolto.

Omicidio di Zamir non viene considerato un seriale anche se sei o sette prostitute sono state uccise nelle nell'ultimo decennio. Anche che il nastro usato per trattenere Zamir è lo stesso tipo di nastro che è stato utilizzato in almeno due attacchi simili dal 2006. Gli investigatori stanno setacciando in tutti gli omicidi nell'ultimo decennio per trovare altre similitudini.

Un incidente di particolare interesse ha avuto luogo lo scorso marzo,  un'altra prostituta, sopravvissuto a un attacco simile. Ha detto alla polizia che un "cliente maniacale" intorno 50 a 60 anni, con la gobba, una floscia e molto pochi capelli, le aveva chiesto di prendere parte a un gioco erotico sesso per pochi euro, ma le invece ha bloccato le mani e la torturò, lasciandola come morto. Sopravvisse all'incidente, ma è ancora terapia e ha subito diversi interventi di chirurgia ricostruttiva, dopo essere stato brutalmente sodomizzato con un manico di scopa.Anche la povera Zamir stata anche sodomizzata, ma l'arma non è stata ancora trovata.

 

La prostituta succitata fu salvata quando un residente locale ha chiamato la polizia, che sono arrivati ​​e spaventato il deliquente. Due uomini sono stati indagati, ma nessuno è stato arrestato. Questa volta nessuno ha chiamato aiuto anche se molti residenti dicono udirono urla intorno alle 11:30 Lunedi notte. "Sembrava un animale ferito", ha detto una donna in televisione, spiegando perché lei non ha chiamato. I residenti che vivono nella zona dicono che spesso sentono urla provenienti dalla stessa zona dove Zamir è stato ucciso, che è ben noto per essere un luogo dove le prostitute prendono i loro clienti, così come era ben noto come un luogo dove giovani coppie potevano rubare un momento privato durante l'era del Mostro di Firenze. Poi, gli omicidi alla fine hanno agito come deterrente per le giovani coppie.

 

Paolo Canessa, il magistrato perseguire che è stato assegnato al caso, avverte che gli omicidi di prostitute e il mostro di omicidi di Firenze sono completamente diversi. Egli dovrebbe sapere, era anche un magistrato che ha indagato perseguire il mostro di crimini di Firenze. Egli ritiene che l'autore del reato prostituta non ha avuto l'intenzione di uccidere, ma probabilmente destinato a punire le donne per prostituire i loro corpi, così la posizione di crocifisso. "Questa volta non è un assassino seriale," dice. "E 'solo un maniaco seriale."


le notizie