La vera storia della signora "BIG EYES"

Amy Adam plays Margaret Keane in Tim Burton's film Big Eyes.

Il film “Big Eyes” film ,biografico-commedia drammatica, diretto da Tim Burton, e interpretato da Amy Adams e Christoph Waltz ha portato alla ribalta la storia della 87enne Margaret D.H. Keane (nata Peggy Doris Hawkins, 1927) un artista americana, che dipinge principalmente donne, bambini e animali in olio su tela o tecnica mista.Le opere di Keane sono riconoscibili dai più, per i grandi occhi da cerbiatto dei suoi soggetti.

Big Eyes.jpg

Big Eyes poster.jpg

Nel 1960 le sue opere sono state vendute sotto il nome di suo marito, Walter Keane, che se ne era attribuito il merito.

Il 1 ° novembre 1964, lo ha lasciato e si trasferisce da San Francisco alle Hawaii, dove ha incontrato lo  scrittore Dan McGuire. Ha divorziato Keane nel 1965, e sposò McGuire nel 1970.  

Nel 1970, Keane ha annunciato al mondo, tramite trasmissione radio, che era il vera creatrice dei dipinti.

 

Quando lei citò Walter in tribunale federale per diffamazione, il giudice ha ordinato ia Margaret e Walter per ogni creare un quadro “big eyed”  lì in aula, al fine di determinare che stava dicendo la verità. Walter si è rifiutato perché diceva di accusare una spalla dolorante, mentre Margaret ha completato la sua pittura in 53 minuti. Dopo un processo di tre settimane, la giuria ha assegnato 4 milioni di dollari di danni.  La corte d'appello federale ha confermato il verdetto di diffamazione nel 1990, ma ha annullato l'aggiudicazione danno a 4 milioni di dollari di danni. 

 

Le opere  create vivendo all'ombra del marito tendevano a descrivere i bambini tristi guardando in ambientazioni scure. Una volta che lei aveva lasciato Walter Keane, trasferito alle Hawaii, e divenne una  Testimone di Geova, il suo lavoro ha assunto uno stile luminoso più felice. Sito di Keane ora pubblicizza il suo lavoro come avere "lacrime di gioia" o "lacrime di felicità".

 

Attrici e attori come Joan Crawford , Natalie Wood,Jerry Lewis commissionarono a Keane di dipingere i loro ritratti.

 

Nel 1990 Tim Burton,  poi regista del film Big Eyes, ha commissionato all'artista di dipingere un ritratto della sua ragazza di allora Lisa Marie.

Di seguito ripotiamo un intervista pubblicata da Svegliatevi nel dicembre del 1975 dove  Margaret D.H. Keane racconta la sua storia:

 

Amy Adams TIFF 2012.jpg
Amy Adams interpretó Margaret Keane.

Ballerina.jpg
"Ballerina" (1959)

La vita di una famosa artista

FORSE avete visto un quadro con una bambina pensosa dagli occhi insolitamente grandi e tristi. Con tutta probabilità, l’ho dipinto io. Triste a dirsi, ero infelice come i bambini che dipingevo.

Crebbi nella parte meridionale degli Stati Uniti, nella regione spesso chiamata “Zona della Bibbia”. Forse fu questo ambiente, o la mia nonna metodista, a inculcare in me profondo rispetto per la Bibbia, sebbene la conoscessi pochissimo. Da grande avevo fede in Dio, ma un mucchio di domande erano rimaste senza risposta.

Malaticcia, spesso sola e timidissima, rivelai un precoce talento per il disegno. Curiosa per natura, mi chiedevo qual era lo scopo della vita, perché esistiamo, perché esistono pena, dolore e morte, e se Dio è buono. Sempre “Perché?”

Queste domande, credo, si rifletterono in seguito negli occhi dei bambini che dipingevo e spiegano, in parte, perché ebbero successo in tutto il mondo. Degli occhi, sempre il punto focale, dicevano spesso che erano “pieni di sentimento”. Sembravano riflettere l’alienazione spirituale della maggioranza d’oggi, il desiderio di qualcosa che questo sistema non è in grado di offrire.

La strada per ottenere la fama nel mondo dell’arte fu cosparsa di spine. Due matrimoni naufragarono, con conseguente grande angoscia mentale. Le controversie sorte intorno alla mia vita privata e alla paternità dei miei quadri diedero luogo ad articoli pubblicati in varie parti del mondo, processi, fotografie e perfino titoli in prima pagina nei giornali. Per molti anni avevo permesso al mio secondo marito di attribuirsi il merito dei miei quadri. Ma un giorno, non potendo più continuare a perpetrare l’inganno, abbandonai lui e la mia casa in California e mi trasferii nelle Hawaii. Dopo un periodo di depressione, nel quale dipinsi pochissimo, tentai di rifarmi una vita e mi risposai.

Nel 1970 ci fu una svolta decisiva nella mia vita quando un giornalista dispose un incontro, teletrasmesso, fra me e il mio ex marito, che doveva avvenire nella Union Square di San Francisco per stabilire chi era l’autore dei miei quadri. Fui l’unica a farsi viva e ad accettare la sfida. La rivista Life pubblicò un articolo su questo avvenimento, correggendo un precedente racconto errato dove si attribuivano i quadri al mio ex marito.

La mia complicità nell’inganno era durata dodici anni e me ne rammaricherò sempre. Tuttavia, mi insegnò che è utile dire la verità e che né fama, né amore, né denaro né alcun’altra cosa valgono una coscienza tormentata.

Mi ponevo ancora domande sulla vita e su Dio e fui indotta a cercare le risposte in luoghi strani e pericolosi. Investigai occultismo, astrologia, chiromanzia e perfino l’analisi della calligrafia, in cerca delle risposte. L’amore per l’arte mi fece investigare molte antiche culture e le loro filosofie, riflesse nella loro arte. Lessi libri di filosofia orientale e sperimentai perfino la meditazione trascendentale.

La fame spirituale mi spinse a esaminare le varie fedi religiose delle persone che entravano nella mia vita. Da entrambe le parti della mia famiglia e tra i miei amici venni a contatto con varie religioni protestanti oltre che con quella dei metodisti, fra cui seguaci della Scienza Cristiana, mormoni, luterani e unitariani. Quando sposai il mio attuale marito, un cattolico, investigai seriamente quella religione. Tuttavia non trovai risposte soddisfacenti — c’erano sempre contraddizioni — e mancava sempre qualcosa.

Salvo questa eccezione (il fatto che non avevo le risposte alle domande importanti della vita), avevo infine cominciato a mettere a posto la mia vita. Avevo ottenuto quasi tutto quello che volevo. Dedicavo la maggior parte del mio tempo a fare quello che amavo di più, dipingere bambini (soprattutto bambine) dai grandi occhi. Avevo un marito meraviglioso e un matrimonio felice, una figlia adorabile e la sicurezza economica, e abitavo nelle Hawaii, il luogo della terra che preferisco. Ma talora mi chiedevo perché non fossi completamente soddisfatta, perché fumavo tanto e ogni tanto bevevo troppo e perché ero così nervosa. Non mi accorgevo di quanto era divenuta egocentrica la mia vita nella ricerca della felicità personale.

Cambiamento inaspettato

I testimoni di Geova venivano spesso alla mia porta, ogni due settimane, ma di rado prendevo letteratura o prestavo loro molta attenzione. Non mi rendevo conto che a suo tempo la mia vita sarebbe stata drasticamente cambiata da alcuni colpi bussati alla mia porta. Quella particolare mattina due donne orientali, una cinese e l’altra giapponese, vennero alla mia porta. Qualche tempo prima della loro venuta, mia figlia mi aveva fatto vedere un articolo che spiegava come il giorno di riposo era il sabato, non la domenica, e com’era importante osservarlo. Ne eravamo state entrambe così colpite che cominciammo a frequentare la Chiesa degli Avventisti del Settimo Giorno. Avevo smesso di dipingere il sabato, pensando fosse peccato. Quando chiesi dunque a una di queste donne venute alla mia porta qual era il giorno di riposo, fui sorpresa dalla sua risposta: “Il sabato”. Così le chiesi: “Perché non l’osserva?”

Non era il colmo dell’ironia che io, di origine caucasica, cresciuta nella “Zona della Bibbia”, chiedessi informazioni a due Orientali che probabilmente erano cresciute in un ambiente non cristiano?

Ella aprì una Bibbia logora e vi lesse direttamente delle scritture per spiegare perché i cristiani non devono più osservare né il sabato né le altre varie caratteristiche della legge mosaica, perché fu data la legge del sabato e il futuro Sabato di 1.000 anni.

La sua conoscenza della Bibbia mi fece un’impressione così profonda che volli io stessa esaminare ulteriormente la Bibbia. Accettai con piacere il libro La Verità che conduce alla Vita Eterna, che ella disse spiegava le dottrine basilari della Bibbia. Quando la settimana dopo la donna tornò, mia figlia e io cominciammo a studiare la Bibbia regolarmente. Fu una delle più importanti decisioni della mia vita e produsse cambiamenti enormi nella vita di entrambe.

In questo studio della Bibbia il mio primo e più grande ostacolo fu la Trinità. Poiché credevo che Gesù fosse Dio, parte di una Trinità, quando quella credenza fu improvvisamente messa in dubbio fu come se mi strappassero la terra di sotto i piedi. Fu spaventoso. Poiché ciò che credevo non reggeva alla luce di quello che leggevo nella Bibbia, mi sentii all’improvviso così profondamente sola come non mai. Non sapevo chi pregare ed ero tormentata dai dubbi, perfino che ci fosse un Dio.

Ostacoli

Gradualmente mi convinsi mediante la Bibbia che l’Onnipotente Dio è Geova, il Padre (non il Figlio), e mentre studiavo rinasceva in me la fede che era naufragata, edificata questa volta sul vero fondamento. Ma con l’aumentare della conoscenza e della fede, crebbero le difficoltà. Mio marito mi minacciò di lasciarmi e altri intimi familiari furono assai turbati. Comprendendo che cosa si richiede dai veri cristiani, cercai una via d’uscita poiché non pensavo di potere mai dare testimonianza a estranei né di andare di porta in porta a parlare ad altri del regno di Dio.

Mia figlia, che studiava ora in una città vicina, progrediva molto più in fretta. Il suo progresso divenne anzi un altro ostacolo per me. Ella credeva così completamente a quello che imparava da voler prepararsi a diventare missionaria. Immaginando la mia unica figlia in un paese remoto mi spaventai e decisi di doverla proteggere, per impedirle di fare un passo così drastico. Cominciai dunque a cercare un difetto. Pensavo che se riuscivo a trovare qualcosa nell’insegnamento di questa organizzazione che non era sostenuto dalla Bibbia avrei potuto convincere mia figlia.

Essendo tagliata per i particolari la ricerca fu minuziosa. Finii per acquistare oltre dieci diverse traduzioni della Bibbia, tre concordanze e molti altri dizionari biblici e libri di consultazione per integrare i libri della biblioteca. Ricevetti uno strano “aiuto” da mio marito, che spesso portava a casa libri e opuscoli nei quali si screditavano i Testimoni. Mi immersi nella loro lettura, soppesando attentamente tutto quello che dicevano. Ma non trovai il difetto.

Invece, la falsità della dottrina della Trinità, oltre al fatto che i Testimoni conoscono e fanno conoscere il nome del Padre, il vero Dio, e il loro amore gli uni per gli altri e la stretta attinenza alle Scritture, mi convinsero che avevo trovato la vera religione. Non potei fare a meno d’essere profondamente colpita dal contrasto esistente fra i testimoni di Geova e le altre religioni in questioni di denaro.

A suo tempo, il 5 agosto 1972, mia figlia e io fummo battezzate, insieme a una quarantina d’altri, nel bel Pacifico azzurro, e quello è un giorno che non dimenticherò mai. Ora mia figlia è tornata a casa per dedicare tutto il suo tempo a servire come Testimone qui nelle Hawaii. Mio marito è ancora con noi e si meraviglia dei cambiamenti avvenuti in entrambe.

Gli occhi tristi cedono il posto agli occhi ridenti

Da che ho dedicato la vita a Geova, sono avvenuti molti cambiamenti nella mia vita. Uno dei primi fu che smisi di fumare. In effetti, ne persi sia il desiderio che il bisogno. Avevo questo vizio da ventidue anni, e fumavo in media un pacchetto di sigarette al giorno o più. Avevo cercato disperatamente di perdere il vizio perché sapevo che era nocivo, ma non vi ero riuscita. Con l’aumentare della fede, la scrittura di II Corinti 7:1 fu il più forte incentivo. Con l’aiuto di Geova mediante la preghiera e credendo alla sua promessa contenuta in Malachia 3:10, infine persi del tutto il vizio. Con mia sorpresa, non ne sentii la mancanza né provai alcun disagio!

Altri cambiamenti furono le profonde trasformazioni psicologiche che avvennero nella mia personalità. Timidissima, insicura, introversa ed egocentrica per natura, trascorrevo lunghe ore in solitudine, di cui avevo bisogno per dipingere e allentare le tensioni: ma sono divenuta molto più socievole ed espansiva. Ora dedico molte ore a ciò che odiavo fare — parlare alla gente — e ne godo ogni minuto!

Un altro cambiamento è stato che dedico alla pittura solo un quarto del tempo che vi dedicavo prima, eppure, sorprendentemente, faccio quasi la stessa quantità di lavoro. Pure le vendite e i commenti indicano che i miei quadri sono anche migliori. La pittura era quasi un’ossessione per me. Ero spinta a dipingere perché era la mia terapia, la mia evasione e il mio svago, essendo la mia vita completamente imperniata su di essa. Mi piace ancora immensamente, ma non provo più la sensazione di non poterne fare a meno. Avendo accresciuto la mia conoscenza di Geova, Fonte di ogni abilità creativa, non è una meraviglia che la qualità dei miei quadri sia migliorata mentre è diminuito il tempo necessario per dipingerli.

La maggior parte del tempo che dedicavo alla pittura lo impiego ora nel servizio di Dio, studiare la Bibbia, ammaestrare altri e frequentare le cinque adunanze di studio biblico tenute settimanalmente nella Sala del Regno. Negli scorsi due anni e mezzo, diciotto persone hanno cominciato a studiare la Bibbia con me. Di queste, otto studiano ora con zelo, una è pronta per essere battezzata e un’altra è stata battezzata. Di tra i loro familiari e amici, altre tredici persone hanno iniziato lo studio con altri Testimoni. È stata una grande gioia e un grande privilegio partecipare all’opera di aiutare altri a conoscere Geova.

In principio non fu facile rinunciare alla solitudine che tanto amavo, al mio modo di vivere e a gran parte del tempo che dedicavo alla pittura, e mettere la volontà di Geova al primo posto, prima di qualsiasi altra cosa. Ma ero disposta a provare e, pregando e confidando nell’aiuto di Geova, ogni passo avanti fu più facile e venne ricompensato. Fui quasi sopraffatta non solo dalle benedizioni spirituali ma anche da molte benedizioni materiali, che mi confermarono la sua approvazione e il suo aiuto.

Quando ripenso alla mia vita, il mio primo acquerello, che feci a circa undici anni, appare ora piuttosto significativo. Consisteva di due versioni della stessa bambina: quella in secondo piano era triste, con le lagrime agli occhi; quella in primo piano aveva occhi luminosi e ridenti. In passato, i simbolici occhioni tristi che dipingevo rispecchiavano le imbarazzanti contraddizioni manifeste nel mondo intorno a me, causa di tante domande. Ora ho trovato nella Bibbia le ragioni delle contraddizioni esistenti nella vita che un tempo mi tormentavano, oltre che le risposte alle mie domande.

Acquistata accurata conoscenza di Dio e del suo proposito per l’umanità, ho ottenuto vera sicurezza, avendo l’approvazione di Dio e la pace e la felicità interiori che l’accompagnano. Questo si nota tanto nei miei quadri che anche gli altri se ne accorgono. Lo sguardo triste e smarrito dei grandi occhi è stato ora sostituito da uno sguardo più felice. Mio marito ha perfino chiamato uno dei miei recenti bambini dai grandi occhi felici “Il testimone oculare”! — Da una collaboratrice.

 


NON TOLLERIAMO LA PORNOGRAFIA ,sia essa soft o hard; applicamo una politica molto severa in materia di condivisione di contenuti pornografici e impone alcune limitazioni alla pubblicazione di immagini di nudità. Allo stesso tempo, è nostra intenzione rispettare il diritto delle persone di condividere contenuti di importanza MERAMENTE ARTISTICA siano essi fotografie pari a una scultura simile al David di Michelangelo o di una madre che allatta al seno il figlio.

 Maggiori informazioni:standard-obbligatori-del-sito/

Contattaci